CSB RADIO

19
July
2012

Quando la morte è preludio alla vita

Marco Ferrini

Marco Ferrini BlogVentesimo anniversario dell'uccisione del Giudice Paolo Borsellino, 19 luglio 2012

Oggi ricorre il ventesimo anniversario dell'uccisione del Giudice Paolo Borsellino e dei quattro uomini e una donna facenti parte della sua scorta. Accade il 19 luglio del 1992, in Via d'Amelio a Palermo, appena due mesi dopo la strage di Capaci dove perse la vita l'altro grande Magistrato antimafia e amico di Borsellino, Giovanni Falcone, che fu ucciso assieme a sua moglie Francesca Morvillo e ai tre agenti in servizio di scorta.

A far saltare in aria Borsellino e la sua scorta furono 100 kg di tritolo posizionati all'interno di una fiat 126 parcheggiata nella strada dove abitava la madre del Magistrato che lo stesso, nonostante fosse consapevole per lui della pericolosità del luogo, andava a trovare ogni domenica. Questo è il caro prezzo pagato da Paolo Borsellino per portare avanti, con rigore etico, coraggio ed encomiabile senso civico, la sua lotta contro la mafia nelle sue tipiche collusioni con la politica, in nome di valori fondamentali come la giustizia e la libertà senza i quali la vita smarrisce il suo scopo e perde definitivamente di senso.

Preannunciando la sua morte, Borsellino disse: “Mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri”.

Si definiva “un uomo morto che cammina” tanto era cosciente dei pericoli letali che correva. Subito dopo la morte del suo amico e collega Falcone, disse: “Devo fare in fretta, perché adesso tocca a me”.  Ma nemmeno la paura della morte fece scemare il suo amore per la giustizia e il suo coraggio ardito nel perseguirla, perché per lui la vera morte era tradire quegli alti valori civili in cui credeva.  Lui stesso spiegava: “Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”.

Ricordando l'anniversario di questa sua morte che invero è segno e preludio di nuova Vita, invito a porsi la seguente domanda: “Ma io voglio vivere o morire? Voglio vivere per gli universali valori etici-spirituali o morire tradendo gli ideali di una vita nobile e, così facendo, tradendo me stesso?”.

Che ognuno, se lo desidera, si raccolga in riflessione e si risponda nel proprio intimo.

Marco Ferrini

 

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 42 visitatori online

Ultimi commenti

  • Anche le tigri possono diventare violentemente stufe della prigionia e ribellarsi al carceriere...
    Franco Mascolo

    Franco Mascolo

    09. July, 2019 |

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi