CSB RADIO

20
July
2011

Intervista a Marco Ferrini di Aleksandar Todorovic - parte finale

Marco Ferrini

Aleksandar Todorovic: Al riguardo ricordo di aver letto una lettera di Shrila Prabhupada dove Egli sottolineava proprio l'importanza di agire in questo modo.

Marco Ferrini
: Sì, è fondamentale comprendere le inclinazioni e le aspirazioni spirituali di ciascun individuo, aiutando lui per primo a riconoscerle. Con ciascuno occorre interagire in maniera personalizzata. Nemmeno con due fratelli gemelli possiamo comportarci nello stesso modo! Ognuno è caratterizzato da una sua natura peculiare e dobbiamo entrare in sintonia con quella natura per entrare in sintonia con la persona. Ciò include anche sviluppare una peculiare modalità relazionale, quella più adatta al nostro interlocutore.

Aleksandar Todorovic: È un grande principio, un'importante lezione.
In che modo riesci a comprendere i problemi della gente e come aiuti ogni individuo ad esprimere i suoi disagi e ad affrontarli?

Marco Ferrini
: Stabilendo una relazione personale, condividendo esperienze, facendo cose assieme, educando a fare riflessioni e bilanci della propria vita e a ideare  progetti per il futuro. Ciò aiuta le persone a far convergere sempre di più la realtà sognata con quella che vivono nella quotidianità, incrementando il desiderio di superare i propri limiti e di evolvere sviluppando un maggiore senso di responsabilità. Una delle principali cause di sofferenza è l'incapacità di realizzare le proprie più intime aspirazioni, dunque la discrepanza tra come si è e come si vorrebbe essere, tra come si vive e come si vorrebbe vivere.

Aleksandar Todorovic: Quando e in che modo generalmente introduci l'importanza di assumersi delle responsabilità?

Marco Ferrini
: Sin da subito cerco di responsabilizzare la persona. Chi non ha senso di responsabilità, non può nemmeno sperare di apportare dei miglioramenti nella propria vita.



Aleksandar Todorovic: Se hai piacere, adesso possiamo parlare della relazione d'aiuto con quelle persone che non hanno ancora fatto una scelta spirituale ben precisa.

Marco Ferrini
: Sì, si tratta di persone che sono alla ricerca di soluzioni ai loro  problemi esistenziali.
Molti sono quelli che soffrono in famiglia, a causa di relazioni difficili con il coniuge, con i genitori o con i figli. Il sistema familiare versa oggi in una condizione molto critica e le problematiche in  questo  ambito sono le più frequenti. Ma ci possono essere crisi anche sul piano lavorativo, economico o nel campo della salute. Personalmente ho lavorato per 6 anni, a partire dal 2002, nei più grandi ospedali italiani, tenendo seminari accreditati dal Ministero della Salute nel campo della Psicologia dell'Assistenza ai Malati Terminali e ai Loro Familiari, portando gli insegnamenti della tradizione indo-vedica. Questi seminari erano rivolti soprattutto al personale sanitario: medici, infermieri, operatori socio-assistenziali, ma anche direttamente ai malati di patologie irreversibili e ai loro familiari, assistenti, amici, ecc.  In tale ambito ci si scontra con un carico di sofferenza enorme, con ansietà, angosce, paure ed innumerevoli altri malesseri che possono essere alleviati ed anche definitivamente risolti attraverso l'introduzione di insegnamenti spirituali di valenza universale applicati al contesto specifico. Al riguardo si può leggere un libro che ho scritto proprio a seguito di questa esperienza negli ospedali e che s'intitola: “Psicologia del Ciclo della Vita”, che corrisponde anche ad una materia del nostro Corso di Studi in Scienze Tradizionali dell'India.
Il trauma della morte e il lutto sono molto difficili da elaborare, specialmente quando a morire improvvisamente è un figlio, oppure un genitore, un amico, un giovane fratello o un coniuge.  In questi casi si deve aiutare la persona a far fronte a molte necessità: emozionali, psicologiche, ma anche sociali, professionali, economiche, ecc. Soprattutto attraverso i nostri Corsi di Counseling per l'armonizzazione e lo sviluppo della personalità, cerchiamo di aiutare le persone a risolvere anche questioni pratiche, ad esempio sul piano legale, oppure nella riprogettazione della propria carriera professionale, stimolando sempre ad una visione superiore attraverso insegnamenti etico-spirituali di valenza universale e strumenti straordinariamente efficaci quali la visualizzazione meditativa.
In ogni caso, ci tengo a sottolineare che alla base di qualsiasi relazione d'aiuto vi è il rispetto reciproco e la valorizzazione della libertà personale.

Aleksandar Todorovic: La libertà di scegliere?

Marco Ferrini
: Sì, la libertà di decidere della propria vita. Noi offriamo strumenti e stimoli di riflessione affinché chi lo desidera possa scegliere con una mente quanto più possibile libera da condizionamenti, pregiudizi culturali, religiosi, ecc. Shri Krishna stesso nella Bhagavad-gita (XVIII.63) dice ad Arjuna: “Ti ho svelato la conoscenza più confidenziale. Rifletti profondamente, poi agisci come meglio credi”.
Nella relazione d'aiuto vi sono quattro obiettivi prioritari che io cerco di favorire: realizzare la propria unicità; conseguire una buona integrazione sociale rispettando e valorizzando ogni creatura; vivere nell'autonomia e nella libertà di pensiero senza essere fagocitati da modelli fasulli; realizzarsi nella propria dimensione più intima, spirituale.   
La realizzazione della libertà dovrebbe esprimersi su due piani: la mia libertà come individuo e il rispetto della libertà degli altri membri della società e di tutte le creature. Non si può sperimentare un'autentica soddisfazione interiore se non si ha cura di rispettare e favorire il bene di tutti gli esseri viventi (si veda Bhagavad-gita XVIII.54).
Dovremmo essere pronti a sacrificare un po' della nostra cosiddetta libertà per rispettare quella altrui ed assurgere così ad un livello ancora più alto di libertà.

Aleksandar Todorovic: Questo rappresenta in sostanza l'essenza del sacrificio.

Marco Ferrini
: Sì certo, è il concetto di yajna: cedere qualcosa per ottenere un beneficio superiore.
Se una persona non realizza che il bene altrui non è distinto dal proprio, non riuscirà mai ad avere reale successo nella vita.
Ama il prossimo tuo come te stesso è l'insegnamento del Vangelo, e anche nella Bhagavad-gita troviamo lo stesso insegnamento, espresso in particolar modo nel dodicesimo capitolo nelle strofe da 13 a 20.
La Bhakti o l'espressione più elevata di consapevolezza spirituale che si concretizza nel puro Amore per Dio si realizza  anche attraverso il servizio all'umanità. Questo servizio ci apre alla comprensione dell'esistenza di un Io superiore, il Sé universale, l'Anima dell'umanità, Origine della vita e sostegno di ogni essere.  E' in questo modo che gradualmente si realizza la nostra identità più profonda, di natura spirituale, non in maniera dogmatica o stereotipata, ma attraverso una maggiore conoscenza di se stessi sul piano fisico, psicologico, emozionale e come esito di un profondo lavoro interiore che genera consapevolezza, visione, serenità, gioia, capacità di dare e ricevere Amore.

 

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 40 visitatori e 1 utente online

Ultimi commenti

  • Anche le tigri possono diventare violentemente stufe della prigionia e ribellarsi al carceriere...
    Franco Mascolo

    Franco Mascolo

    09. July, 2019 |

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi