CSB RADIO

25
April
2014

Cosa rovina le relazioni? - Parte I

Marco Ferrini

Marco Ferrini - Serenità interioreNegli Yogasutra di Patanjali viene tradotto con il termine “yama” ciò che non si deve fare, che è pericoloso ma non solo, che è un danno oggettivo. Qui di seguito indico in maniera sintetica alcuni degli errori più gravi che dovremmo evitare di commettere in ambito relazionale.

Cos'è veleno per le nostre relazioni?

Proibito stravincere. Non insistete quando avete ragione in qualcosa, né fatelo pesare, perché questo incrina la relazione. Liberatevi dal bisogno di sentirvi dire: “Avevi ragione tu”. Se rimanete dipendenti da questi riconoscimenti, le vostre fragilità renderanno le vostre relazioni altrettanto fragili. Imparate ad essere assertivi nella relazione solo quando ce n'è reale bisogno, non per falso senso dell'onore o semplicemente per affermare il vostro punto di vista. Imparate a pazientare, ad ascoltare, a riflettere sulla prospettiva che l'altro vi suggerisce.

Non offendete. Ovviamente sta anche all'altro evitare di prendere ogni minimo pretesto per sentirsi offeso. Chi vive questa tendenza o disagio non è consapevole di averlo. Generalmente deriva da un senso di inferiorità o di colpa, spesso latenti. Senso di inferiorità e senso di colpa si stimolano e si amplificano a vicenda, o addirittura si generano l'uno con l'altro. Prima ancora di quel che una persona ha detto o fatto, dobbiamo interrogarci sulla motivazione che la muove e su come noi siamo predisposti ad accogliere quella parola o quel gesto.Prestate attenzione: non sempre le parole esprimono le reali intenzioni. A volte vengono pronunciate parole infelici quando invece non vi era la volontà di farlo. Non è affatto semplice essere sempre vacaspati, signori della parola. Dunque non vi fermate alla mera osservazione e valutazione delle parole. Andate più in profondità. Ci sono persone che talvolta parlano con termini inappropriati ma hanno buone intenzioni, e altre che parlano con termini appropriati ma hanno motivazioni dubbie. Siate coscienti che tutte le volte che arrecate un'offesa, indebolite la relazione, anche se il vostro interlocutore fa finta di nulla perché ha più criterio, stabilità e sobrietà di voi. La relazione comunque si indebolisce. Lo stesso vale, sul fronte opposto, tutte le volte che mettete in campo azioni positive, benefiche per l'altro: anche se l'altro non ne avesse piena coscienza o non si esprimesse al riguardo, comunque con quella parola o con quel gesto rafforzate la persona e la relazione che avete con lei.

Non ingannate, non tradite. Il tradimento destabilizza, come un terremoto, e la relazione crolla. Con persone con le quali condividiamo punti di vista e valori, il tradimento è ancora più cocente. E' la peste delle relazioni. Tradire è come morire. Ma attenzione: esistono non solo i macro-tradimenti, ma anche i micro-tradimenti causati dalle piccole umane debolezze e imperfezioni. Sono non ricercati, non voluti, e in questi casi la persona generalmente si predispone subito a correggersi. Sapendo che così stanno le cose, non vi attaccate nevroticamente ad un piccolo tradimento per far saltare tutta la struttura della relazione. A volte le persone fanno cose senza quasi rendersene conto e senza esplicita volontà di nuocerci, perché ci sono vecchie tendenze che ancora imperano nel loro carattere. Abbiate pazienza, tolleranza, altrimenti come potrete sperare che anche gli altri abbiano lo stesso atteggiamento nei vostri confronti?

Non rendete le persone dipendenti da voi. Quando le persone hanno bisogno, si deve esser pronti ad offrire subito un aiuto pratico immediato. Ma attenzione: più vi calate nel pratico e trascurate l'aspetto pedagogico, meno la persona capisce e più in tempi brevi si dimentica dei traguardi raggiunti. Non si ricorda più perché aveva trovato sollievo e beneficio in quella circostanza in cui voi gli avevate detto certe cose, perché le vostre riflessioni non sono diventate farina del suo “sacco umano, culturale e spirituale”. Dobbiamo invece aiutare le persone a divenire medici di loro stesse, affinché nel momento del bisogno possano autonomamente attivare le comprensioni acquisite.

Marco Ferrini

CONTINUA NEL PROSSIMO POST

  • Tags: dipendenza, marco ferrini, offesa, relazioni, tradimento

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 23 visitatori e 2 utenti online

Ultimi commenti

  • Anche le tigri possono diventare violentemente stufe della prigionia e ribellarsi al carceriere...
    Franco Mascolo

    Franco Mascolo

    09. July, 2019 |

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi