CSB RADIO

10
December
2012

Come si diventa portatori di pace? (parte prima)

Marco Ferrini

Come si diventa portatori di pace? (parte prima) di Marco FerriniLa pace è l’esito di sforzi coordinati e costanti, ma prima di tutto è il risultato di una consapevolezza profonda del concetto di pace in tutte le sue innumerevoli componenti ed implicazioni. Tale consapevolezza implica una visione ampia di tutte le dinamiche in campo, ed è infatti il presupposto indispensabile per individuare in ogni circostanza la corretta linea di comportamento da seguire, quella capace di favorire nel concreto lo sviluppo della pace a tutti i livelli (individuale, familiare, sociale, politico, economico, ecc.).

La scienza e le tradizioni religiose di tutti i tempi concordano nell’affermare che esistono leggi universali che governano la vita del cosmo (in greco il termine kosmos significa infatti sia ‘ordine’ che ‘universo’). Tali leggi regolano e sostengono l’intera creazione e ogni manifestazione di vita, da quella dell’uomo a quella del più microscopico insetto, e sono l’espressione di un ordine che la moderna fisica quantistica definisce come “ordine implicito”, che si cela oltre la realtà sensibile e dal quale deriva “l’ordine esplicito” o svelato, quello visibilmente percepibile nei fenomeni della natura.

Nella tradizione Vedico-Vaishnava questo ordine, su cui si fonda la vita e l’unitarietà del cosmo, viene indicato con il termine dharma, dalla radice sanscrita dhr che significa ‘reggere, sostenere’, oppure con il sostantivo ritam, dalla radice sanscrita r che significa ‘procedere’ e che in questo caso designa il ‘regolare flusso o andamento delle cose’.

Essere davvero interessati a costruire la pace significa essere interessati a conoscere e ad armonizzarsi con queste leggi universali, che i religiosi di tutti i tempi ritengono l’espressione di un’Intelligenza superiore, la Coscienza cosmica, Dio. Pace vuol dire sincronizzare le proprie dinamiche alle dinamiche cosmiche; imparare a muoversi in armonia con quell’ordine universale che già esiste (non c’è da inventarlo!), e la cui infrazione è causa di squilibri, lacerazioni, conflitti, dentro e fuori di noi. La pace non costituisce quindi unicamente una necessità di ordine morale, ma è fattore indispensabile alla sopravvivenza stessa dell’uomo, la cui vita è strettamente ed indissolubilmente collegata a quella di tutto il creato e di tutte le creature. In mancanza di tale consapevolezza, la pace è purtroppo destinata a rimanere un concetto dal significato assai vago, pronto ad essere strumentalizzato da chi in verità persegue altri scopi. I crimini commessi, ieri e oggi, in nome di una cosiddetta pace, lo testimoniano.

Marco Ferrini

- Matsyavatara das -

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 17 visitatori online

Ultimi commenti

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi