CSB RADIO

18
November
2014

Attrazione e repulsione

Marco Ferrini

Attrazione e repulsione - Marco FerriniAttrazione e repulsione mettono in crisi la nostra capacità critica di giudizio, di valutazione e la lucidità nel procedere con metodo. Potete considerarle alla stregua di avversari da neutralizzare.

Raga (attrazione) e Dvesha (repulsione) sono destabilizzatori delle nostre emozioni e delle nostre relazioni.

In cuor nostro, vorremmo mantenere alta la qualità delle relazioni, ma capita di cedere a reazioni emotive che non avremmo voluto avere, non avremmo dovuto esprimere in quel modo sulla spinta del binomio repulsione-attrazione. Quando mi riferisco all’attrazione, non pensiate necessariamente intesa verso un’altra persona, perché potrebbe essere attrazione verso qualcosa che lui/lei ci nega o a cui si frappone come ostacolo per ottenerla, scatenando la nostra avversione verso l’interlocutore stesso.

Potrebbe invece accadere che lui/lei voglia farci avvicinare a un’esperienza che genera in noi repulsione e, come intuibile, possono essere tante le combinazioni in cui attrazione-repulsione ci incatenano.

Nelle relazioni, raga e dvesha sono il fondamento del nostro umore, delle emozioni e di quello stato d’animo inquieto dal quale è difficile liberarsi, pur avendo razionalmente deciso di farlo, perché consapevoli essere sbagliato e nocivo per decidere ed agire. Possiamo pensarlo, ma da lì a uscirne non è istantaneo, dipende da quanto vi siamo invischiati dentro.

I saggi della tradizione ellenica, i Sufi, gli Yogi, i Padri del Deserto, coloro che hanno raggiunto un livello elevato di consapevolezza conoscendo la Realtà, non si lasciano agganciare dal meccanismo regolatore di raga e dvesha, la cui forza è pari a un rullo distruttore.

Possiamo evitare l’attrazione e la repulsione? No, ma possiamo gestirle.

Non dobbiamo essere rigidi e ristretti nel pensare che solo i buoni risiedano in raga e i cattivi in dvesha, perché vi può essere attrazione verso il male e i malfattori – coloro che fanno del male – ne sono un esempio. L’attrazione può quindi avere dei lati sgradevoli, se orientata a ciò che è distruttivo; pensiamo al giocatore d’azzardo che sviluppa una forma di patologia o al collerico, che accompagna l’emozione di collera con gesti distruttivi. Quando il fenomeno pratico, l’azione, si sovrappone all’emozione, viene registrato nella memoria e sarà sempre più difficile retrocedere e correggersi.

Allora diviene auspicabile accedere a dvesha, a quella sana repulsione verso il male, verso la violenza, la falsità e il tradimento. Dvesha diviene utile a sua volta, se saputa gestire.

Raga e dvesha sono tra le forze che governano il nostro universo.

Ciò che per noi costituisce attrazione e attaccamento riduce la nostra capacità di movimento, pensiero, sentimento e iniziativa, perché ci regola in funzione della sua natura: é un condizionamento.

Ciò che ci attrae in maniera morbosa e ossessiva riduce la nostra capacità creativa di pensiero e di azione. Non sempre quel che ci piace partecipa alla nostra evoluzione.

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 25 visitatori online

Ultimi commenti

  • Anche le tigri possono diventare violentemente stufe della prigionia e ribellarsi al carceriere...
    Franco Mascolo

    Franco Mascolo

    09. July, 2019 |

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi