CSB RADIO

10
February
2016

La Felicità é una conquista

Libertà dalla Solitudine e dalla Sofferenza Marco Ferrini

La Felicità é una Conquista di Marco Ferrini
Tutti coloro che sono alla ricerca della felicità devono superare degli ostacoli, che non sono esterni ma delle proiezioni dei nostri condizionamenti e conflitti interiori. Non sono gli accadimenti che determinano la nostra vita, ma come noi ci poniamo di fronte ad essi, ovvero le risposte comportamentali che diamo.

Possiamo rinchiuderci in un luogo solitario e farlo divenire il nostro pensatoio, e dilettarci con pensieri torbidi e immagini di azioni scorrette, ma gli effetti negativi si manifesterebbero presto per quanto nessuno ci abbia visti né sentiti! Più a lungo ci crogioliamo in quei pensieri e più essi si potenziano e prendono forma, e se ne parliamo ci predispongono all'azione. Questa è la genesi dell'umano agire. Se nutriamo il nostro lato oscuro e investiamo energia su di esso perdiamo il ben dell’intelletto e saremo la causa dei nostri guai. Se invece nutriamo desideri e pensieri elevati, la nostra vita diventerà sempre più improntata al bene-essere, alla gioia e alla felicità.
Il percorso verso la felicità è ben descritto nella Bhagavad-gita IX,2.
La felicità non è utopia né qualcosa di astratto, bensì il bene-essere a tutti gli effetti, e perciò  dovrebbe essere inserita nel PIL delle Nazioni affinché tutti possano informarsi in merito a quanto e dove le persone godano di più o di meno reale benessere.
Laddove manca libertà di movimento, di pensiero, di parola, di azione e di culto mancano le vere ricchezze dell’individuo e della comunità umana ed per definizione un luogo dove nessuno dovrebbe vivere. Questi beni sono gli strumenti per la felicità e vanno conquistati e rispettati, ma la felicità esteriore che essi generano non è ancora una felicità indipendente dalle condizioni esterne: politiche, economiche, ecc. L’autentica felicità non è uno stato d’animo passeggero, in transito, bensì uno stato dell'essere, in cui sentirsi stabili e a proprio agio nella nostra autentica dimensione spirituale.
La beatitudine è una caratteristica inalienabile dell’anima. Con lo studio della Bhagavad-gita e degli Yoga Sutra di Patanjali è possibile accedere alla conoscenza della nostra profonda identità, andare oltre il pensiero automatico per accedere a quel piano dove mente e cuore sono uniti assieme. Seguendo la via dello Yoga, siamo condotti alla nostra realizzazione: la ricongiunzione dell’anima con Dio. Nella Bhagavad-gita è la via dell’Amore, la Bhakti, che favorisce la ricongiunzione tra l’essere individuale e l’Essere Supremo come l’amante e il suo innamorato. Un Amore caratterizzato dalla libertà interiore, patrimonio inalienabile di ogni essere e di cui nessun evento esterno ci potrà privare una volta realizzata.

Condividi questo articolo su:

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.

Annulla Invio del commento in corso...

Sottoscrizione E-Mail

Segui su Facebook

Online Ora

 56 visitatori online

Ultimi commenti

  • Anche le tigri possono diventare violentemente stufe della prigionia e ribellarsi al carceriere...
    Franco Mascolo

    Franco Mascolo

    09. July, 2019 |

  • grazie per ricordarci il vero piano della Realtà, per gradi accessibile...grazie
    Beatrice

    Beatrice

    19. February, 2016 |

  • grazie per questa chiara e vera descrizione, che ci incoraggia al senso di responsabilità personale, grazie
    Beatrice

    Beatrice

    27. January, 2016 |

  • Grazie. Come sempre articoli molto interessanti
    Michele Francesconi

    Michele Francesconi

    29. December, 2015 |

Contatti

Marco Ferrini
blog@marcoferrini.net

Per informazioni, richieste di collaborazione, partnership o segnalazioni ti prego di contattarmi via mail tramite il seguente link:

Scrivimi